• Pubblicata il:
  • Autore: GIUGLIA ROBBERTS
  • Categoria: Racconti orge
  • Pubblicata il:
  • Autore: GIUGLIA ROBBERTS
  • Categoria: Racconti orge

UN REGALO INASPETTATO - seconda parte

UN REGALO INASPETTATO - seconda parte

Mi hanno rimesso in piedi e accompagnato contro il muro. Entrambi stavano davanti a me col cazzo duro, mi sono accovacciata e ho afferrato quello di mio marito. L'ho leccato intorno alla cappella come piace a lui, mentre con una mano masturbavo il bel cazzo di Vanessa. Poi, ho interrotto il bocchino a Fabrizio e ho iniziato a succhiare l'altro cazzo svettante. L'ho succhiato per qualche minuto, mentre mio marito guardava e non sembrava per nulla geloso, anzi!
Mi sono alzata e sono tornata da lui, che mi ha subito riappoggiata al muro, sollevato la coscia destra infilandodoci il suo pene più che mai rigido. Mentre mi baciava avidamente, per 5 minuti mi ha scopato con forza e io mugolavo come una cagna. Intanto, la sua amica strofinava il suo uccello caldo e dritto contro la mia schiena, strizzandomi le tette e leccandomi di nuovo il collo e le orecchie. Fabrizio ha sfilato il suo cazzo e si è disteso sulla moquette invitandomi a continuare a spegni-candela. Ho ubbidito e ho cominciato a guidare io i movimenti. Vanessa si era chinata sistemandosi dietro di me, mi spingeva la schiena verso il basso e con una mano mi allargava delicatamente lo sfintere anale. Non avevo mai provato la doppia penetrazione, ero eccitatitissima e non vedevo l'ora di godere quella nuova emozione..
Ad un certo punto, mi ha detto di restare ferma per qualche secondo, si è messa il preservativo e mi ha inculata, prima lentamente e poi sempre più in fretta. E' stato fantastico! Mio marito succhiava il seno e mi scopava nella figa, lei mi pompava nel culo e io gemevo, ansimavo, sudavo. Un primo orgasmo, poi un altro più violento ed un terzo ancora più squassante. Mi sentivo riempita di cazzi e continuavo a godere, volevo dir loro di smettere, ma riuscivo solo ad emettere parole biascicate e incomprensibili. Ero rossa in viso e il cuore andava a mille. E' stato mio marito ad accorgersi del mio disagio, si è afffrettato a sborrare e ha detto a Vanessa di fare altrettanto. Estratti i due cazzi, mi hanno appoggiato sulla moquette e messo un cuscino sotto la testa. Ero stremata e c'è voluto almeno un quarto d'ora prima che mi riprendessi.
- Scusa Giulia, stavolta abbiamo esagerato...
- No Fabrizio, sono stata io a volerlo e forse...
- Forse?
- Forse sono troppo vecchia per queste cose... però è stato meraviglioso. Grazie per il regalo di compleanno. E' stata davvero una bella sorpresa, però, magari, il prossimo anno... chiamo un'amica mia!

FINE

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!