POMPINI A CONFRONTO – 2^ puntata

Mi ha invitato a casa sua per cena e non ci potevo credere. Conoscevo la ragazza super complessata dal padre, ma non avevo idea che vivesse in una villa. Ero preoccupato e non sapevo cosa aspettarmi quando ho suonato al portone. Avevo paura che ci fosse lui e che mi mandasse affanculo. Perciò mi sono sentito molto sollevato quando ho visto che ha aperto la governante. Mi ha detto che Aura si stava vestendo e mi ha chiesto aspettarla in salotto.
Prima di scendere, lei mi ha salutato dal pianerottolo in mutandine e reggiseno. Era stupenda, e anche da quella distanza, riuscivo ad annusare il profumo della sua figa e ho avuto una potente erezione.
Mentre attendevo, Milena (la governante) ha iniziato una piccola conversazione. Avevo paura che notasse il mio uccello. E infatti ha cominciato a toccarmi. Mi ha detto che presto sarebbe diventata la seconda moglie di suo padre, ma che lui era vecchio, mentre lei preferiva uomini più giovani e più attraenti. Ero molto preoccupato perché la governante mi toccava e la mia ragazza stava per scendere dalla scala.
Prima che potessi decidere cosa fare, la tipa ha slacciato i miei pantaloni, ha rapidamente aperto la cerniera e tirato fuori il mio uccello. Ho provato a protestare, lo giuro, ma lei mi ha detto di assicurarmi che Aura non capisse cosa stava succedendo.
Ha preso in bocca il cazzo e ha iniziato a spompinarmi. Era molto più brava in questo lavoro e ho sborrato giusto prima che la porta di Aura si aprisse bruscamente. La sua governante aveva già bevuto tutto e sono rimasto stupito che la mia ragazza non si fosse accorta di niente.
Siamo andati a cena esattamente come programmato. Tutto era pronto su un enorme tavolo in un salone, ma Milena era sparita.
Per tutto il tempo, mentre mangiavamo, non riuscivo a non pensare alla governante e alle cose che mi aveva fatto e che mi aveva detto. Dopo cena abbiamo ballato e guardato la TV, poi mi è venuto da pisciare.
Mentre andavo verso il bagno, ho sentito dei rumori strani uscire da un'altra stanza. Ho aperto leggermente la porta e ho guardato. Dentro c'era la governante con la gonna abbassata e il culo per aria che si massaggiava il clitoride. Ho perso il controllo, ho chiuso la porta a chiave, mi sono avvicinato e lei mi ha chiesto di incularla. All'età di 22 anni, avevo avuto qualche storia con ragazze diverse, ma nessuna di queste mi aveva mai chiesto di incularla!
Con la mia poca esperienza, sapevo che di solito ci sono due tipi di donne quelle che vogliono una vera relazione e quelle che vogliono solo scopare.

CONTINUA

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!