• Pubblicata il:
  • Autore: Ivano
  • Categoria: Racconti gay
  • Pubblicata il:
  • Autore: Ivano
  • Categoria: Racconti gay

L'amico di scuola 5

Quando la signora finì di sborrarmi nel culo era già tutto deciso alla mia maturità avrei cominciato a prendere ormoni per effeminarmi, mi feci una doccia e dopo essere stato baciato dal mio amico e da sua mamma tornai a casa, lì trovai mia madre pen
sierosa e allora gli chiesi
"Cosa c'è mamma"
"Sai ho paura un giorno o l'altro dovremo dire a tuo padre che sei gay e non sò come la prenderà lui ha certe idee!
"Mamma non fasciarti la testa prima del tempo io non ho problemi su questo ho trovato un amico che mi ama e pure sua madre, alla mia maturità ci penserò ma non continuerò sulla materia per cui sarò diplomato, tu non te ne sei accorta ma ho già scritto due libri che mi hanno fruttato un pochino di soldi, se papà non mi vorrà come sarò mi staccherò e farò una vita mia, tu potrai sempre venirmi a trovare"
"Vedremo figliolo"
"Ma com'è il tuo amico e sua madre"
"Lui è veramente bello, molto sexy e provocante la madre è una bomba erotica, sai ha adottato il figlio perchè lei è una transessuale"
"Una trans?"
" Si mamma è trans ede è di una sensualità pazzesca, non riesco a resisterle"
"Hai fatto sesso con entrambi e da passivo vero?"
" Si mamma sono gay e passivo"
"L'avevo notato in certi tuoi gesti, in certi tuoi modi di muoverti e gesticolare tipicamente femminili che tu eri gay e passivo e sapendo che hai degli amici così mi consola"
"Ma papà quando torna?"
"Non lo sò, mi aveva detto tre giorni ma ormai sono quattro e non l'ho sentito ancora, sai sono preoccupata"
Proprio in quel momento si aprì la porta di casa e mio padre entrò, mia madre gli corse incontro e lo abbracciò, si baciarono, poi mano nella mano si avvicinarono a me
"Ciao Ivano come và?"
"Benissimo frà poco farò la maturità"
"E dopo cosa farai?"
" Lo scrittore"
" Lo scrittore?!! e perchè allora hai studiato!!"
" Intanto ho un diploma nel caso andasse male da una parte ho sempre il diploma"
" E lo scrittore?"
" Ho già scritto due libri che mi hanno pubblicato il ricavo ce l'ho sul mio conto"
"Caro io e tuo figlio dobbiamo dirti una cosa importante!
"Cribbio Laura così mi spaventi"
"Franco tuo figlio è gay ed è passivo"
"Ma questo lo sapevo già, era lampante da come parlava, da come si muoveva sono anni che lo sò"
"Papà e non dici nulla?"
"Che ci devo fare se tu sei così? ti comporti bene, vai bene a scuola, non dai scandalo, cosa dovrei chiederti di più, certo non sono felice ma sei mio figlio e sei un bravo ragazzo"
"Papà ho un amico e sua madre che mi vogliono bene"
"Intendi dire che fai sesso con loro?"
" Si"
"Era ora che cominciassi, fare sesso è la cosa più bella da fare in questo mondo, ci sarebbero state molte meno guerre"
"Lo faccio da passivo"
"Lo immagino, sei passivo!"
"Papà mi hai tolto un gran pensiero dalla mente"
"Ora ceniamo che ho una fame da lupi, ho mangiato da cani nei giorni scorsi e non vedevo l'ora di tornare a casa per deliziarmi della cucina di tua madre"
Mia madre abbracciò mio padre e si baciarono ancora, frà di loro l'amore era sempre molto acceso
"Ma figlio mio mi hai detto che anche sua madre ti vuole bene, fai sesso anche con lei?"
"Papà il mio amico è stato adottato da lei perchè lei è una trans, una trans di una bellezza da far mancare il fiato, è alta come te, ha i capelli biondi, una quinta di seno in un corpo giunonico ed ha un bel pisellone"
"Bè perchè non la inviti a cena? lei e suo figlio?"
"Si è vero" disse mia madre " mi piacerebbe conoscerli, se ti vogliono tanto bene!!""
"Domani glielo dico"
Dopo cenai miei si ritirarono in camera dopo aver messo a posto la cucina ed io andai nella mia, ero felice, certo mio padre non era contento nel sapere che suo figlio fosse gay ma l'aveva presa più che bene e in camera mia mi era venuta la voglia di sentire ancora i cazzi del mio amico e di sua madre nel culo per cui uscii e andai a casa del mio amico
"Ciao che fai quì a quest'ora?"
"Sai è tornato mio padre, sapeva già che io ero gay ma non sapeva che ero passivo, insomma vi invita a casa nostra una di queste sere a cena"
"Ciao Ivano cosa stavi dicendo?
" Ciao Mio padre vi invita una di queste sere a cena"
"Ohhhh che tesoro digli che per noi và bene qualunque sera, ti dò il nostro telefono così ci potrai telefonare per sapere quale sera"
"Ok segnato, ci sentiamo e domani ci vediamo"
naturalmente continua.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!